[commenti] Fringe - 1x02 - The Same Old Story

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline webmistress (aka superbiagi)

  • The Boss
  • *
  • 27279
  • Sesso: Femmina
  • You don't want to wake the dragon!
    • subsfactory
[commenti] Fringe - 1x02 - The Same Old Story
« il: Venerdì 19 Settembre 2008 21:09 21 »
[youtube=425,350]http://www.youtube.com/watch?v=JzrSkW-uR_U[/youtube]

Recensione a cura di Barzo

“Row, row, row the boat
Gently down the stream
Merrily merrily merrily merrily
Up and down the stream”

Non vi addormentate! JJ Abrams aveva ragione a quanto pare: le prime scene di questo nuovo episodio hanno molto più a che vedere con ER, il tutto condito in salsa “Ai confini della realtà”!
Siamo subito inchiodati allo schermo dalle urla di Loraine Daisy, in arte Amber, la donna fecondata più velocemente nella storia delle serie tv (evitiamo battute sulla velocità di esecuzione della fecondazione da parte dell’uomo).
Persino il dr.Ross-George Clooney avrebbe faticato a mantenere il suo solito aplomb dinanzi a quel paradosso.
Fringe ci presenta il primo caso, signore e signori: la concezione e morte per vecchiaia di un essere “umano?” nel breve giro di qualche lancetta.

Il terzetto della squadra speciale entra subito all’opera, nello sbigottimento generale. Mr. Broyles presenta i Bishop e Dunham ad una commissione cui fa parte (primo mistero) anche la rossa dipendente della Massive Dynamics (quella col braccio bionico, tanto per intenderci), indispettita dalla scelta ricaduta su tre elementi così fuori dagli schemi.
E proprio sull’esistenza di un presunto schema, “The Pattern” dovranno indagare i nostri.

La regia questa volta ruota principalmente intorno alla figura di Walter, mostrandoci un nuovo aspetto del suo mondo fra l’autistico, il geniale e l’alzheimer. Si va delineando la struttura di questa triade: Walter la mente extra-ordinaria, Olivia il braccio operativo ed emotivo, e Peter, ancora in ombra, ma probabilmente la giusta sintesi fra i 2 precedenti aspetti.

Torniamo al primo caso: a quanto pare il serial killer su cui Olivia e il suo ex amato partner Scott indagavano anni prima, è di nuovo all’opera. Finalmente svelato il movente grazie alla Fringe-science: non si tratta di irrazionale istinto omicida, ma di sopravvivenza, in quanto Christoper, l’assassino, ha bisogno dell’ipofisi delle vittime. Motivo: leggete il sottotitolo della serie.
Il suo “padre” scienziato, ex collega di Bishop, faceva parte di un progetto per la creazione di killer modificati geneticamente. Ma mai scambiare l’amor di scienza con amore troppo umano.

Fra una mungitura di mucca e un pacchetto di Popcorn, Walter riesce a trovare il sistema per estrapolare dall’occhio dell’ultima vittima una immagine che permetta di incastrare l’assassino: una tecnica descritta da Verne ne “I fratelli Kip” ma che noi italiani abbiamo visto usare anche da Celentano nei panni insoliti di ispettore.
Inizia un’epica battaglia fra stregoni post-moderni: Bishop contro Penrose, l’uno che cerca di estrarre immagini vive da un corpo morto, l’altro che tenta di estrarre da un corpo ancora vivo una scintilla che permetta di conservare quella del figlio sperimentale.
Naturalmente vincono i nostri grazie ai potenti mezzi messi a disposizione dalla Massive Dynamics. Mrs. Sharp prova anche ad ingaggiare Olivia, confondendoci ancor di più le acque instillateci da poco più di 2 ore di Fringe. E come se non bastasse, qualcosa di misterioso aleggia anche nel rapporto paterno fra i due Bishop.
Un’ultima annotazione letteraria marginale: la mamma lampo, L. Daisy Alcott, sembra richiamare l’autrice di “Piccole Donne”; il nome della prostituta adescata da Christopher è doppio come quello di tutte le sue sorelle, e la seconda parte è sempre il nome di un fiore, fiori che sbocciano nel mese di “March”, come il cognome delle Piccole Donne.

“Merrily Merrily Merrily Merrily,
Life is but a dream”
« Ultima modifica: Mercoledì 23 Novembre 2011 17:53 17 da vale_bun »
"Una tenera HelloKitty con manie omicide sotto i circuiti da cyborg" (cit. Liunai)

Webmistress della nobile casata Subsfactory, la prima degli admin, la non bocciata, regina dei subber, dei MS e dei syncher, regina dei barbecue, Khaleesi della grande famiglia dei Revver, protettrice dei SIP, Mistress regnante dei server WordPress, distruttrice di utonti, madre dei binge.