Sciopero sceneggiatori statunitensi 2017

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline lara

  • 705
  • Sesso: Femmina
  • Nothing ever really ends, does it?
    • Supernatural Addicted Forum
Sciopero sceneggiatori statunitensi 2017
« il: Mercoledì 26 Aprile 2017 20:31 20 »
Sciopero sceneggiatori 2017: tutto quello che devi sapere sul possibile sciopero


In queste ore si sta parlando sempre più insistentemente di un possibile sciopero degli sceneggiatori statunitensi.

Se siete telefilm maniac da anni, ricorderete sicuramente il lungo periodo buio – anni 2007/2008 – dello sciopero degli sceneggiatori che per noi si tradusse in assenza di nuove stagioni, serie TV cancellate, sceneggiature raffazzonate alla bene in meglio per dare chiusura veloce delle storie, pause lunghissime di produzione, insomma un vero disastro. Lo sciopero è un diritto sacrosanto, un mezzo necessario a volte per far valere i propri diritti e sembra che per gli sceneggiatori statunitensi sia arrivato di nuovo il momento dir usare questo strumento.
Lo sciopero dovrebbe iniziare tra una settimana circa, quindi abbiamo pensato e cercato di fare un po’ chiarezza.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sullo Sciopero sceneggiatori 2017

Chi colpisce?

La Writers Guild of America (WGA) è l’unione della Writers Guild of America, East e Writers Guild of America, West, i sindacati che rappresentano gli scrittori cinematografici e televisivi. Praticamente ogni show in televisione ha sceneggiatori rappresentati dal WGA.

Il WGA chiederà l’alleanza del Motion Picture and Television Producers – più di 350 società di produzione di TV e Cinema – per ridiscutere il contratto attuale, che tenga conto dei cambiamenti che la televisione ha subito e gli effetti che questi cambiamenti hanno avuto sui loro contratti attuali.

Perché gli sceneggiatori minacciano di scioperare?

Ormai avrete notato che show televisivi sono spuntati anche in reti inaspettate, network come Nat Geo ed E! sono entrati nel gioco delle serie TV e questo significa tantissimi TV SHOW. Allo stesso modo i servizi di streaming sono diventati il ​​terreno più fertile per la serialità. Questo ha contribuito ad un cambiamento degli standard qualitativi delle Serie TV. Tv Show da 10 a 13 episodi (o anche meno) sono molto più comuni, mentre la classica stagione di 22 o 24 episodi resa popolare dai broadcast, è diminuita.

E con l’aumento di serie antologiche, miniserie e eventi televisivi, i numeri degli episodi si accorciano ancora di più.

Qual è il problema? Gli sceneggiatori, secondo i loro contratti attuali, vengono pagati per ogni episodio: questo aveva senso quando le stagioni televisive erano più lunghe. Alcuni contratti di esclusiva ad uno show obbligano molti sceneggiatori a rimanere per alcuni periodi di tempo senza lavoro, in quanto non sono autorizzati a firmare un altro contratto per una sceneggiatura,  utile per compensare lo stipendio.

Le produzioni pagano gli sceneggiatori per 13 episodi, ma li tengono inattivi per l’altro lasso di tempo. Abbiamo detto prima che l’aumento del numero di TV Show fa sì che ci sia molto lavoro per questa categoria. Praticamente è come lavorare 8 ore al giorno, ma essere pagati per 4 ore e passare le altre 4 legati da un vincolo che impedisce di trovarsi un nuovo lavoro. Frustante, no?
Questo è uno dei problemi, nei negoziati però ci sono anche un piano di assistenza sanitaria e il trattamento pensionistico.

Quando dovrebbe iniziare lo sciopero?


Gli sceneggiatori hanno votato lunedì per l’autorizzare a uno sciopero (votazione passata con con uno schiacciante 96 per cento dei voti), un passo importante verso uno sciopero, ma questo non significa che ci sarà sicuramente. Per ora si dà il permesso di indire uno sciopero. Il contratto attuale scade il 1 ° maggio e se un nuovo accordo non verrà raggiunto, il WGA probabilmente andrà avanti con lo sciopero già dal 2 maggio.

Quali show ne risentiranno?

Quasi tutti i programmi televisivi ne saranno interessati. Già dal giorno stesso, tutti i programmi che utilizzano gli sceneggiatori per i monologhi, ad esempio.
I TV Show avranno un margine di manovra più lungo, gli script sono scritti in anticipo di settimane, a volte mesi, e la produzione potrà continuare con gli gli script già scritti. Ma se lo sciopero persisterà ovviamente anche gli show si chiuderanno appena saranno andati in pari con gli script completati.

Da quanto tempo potrebbe durare lo sciopero?

Beh, tutto dipende da come andranno i negoziati. Ma se guardiamo la storia recente, lo sciopero del 2007 è durato più di tre mesi con il risultato che molti show tagliarono le loro stagioni, altri invece vennero rimandati di molti mesi.

Fonte


____________________________
Nothing ever stays dead in SPN - Jensen Ackles

"Nessuno sa cosa c'è nella testa degli altri. Se così fosse, la vita sarebbe insopportabile." Paul Spector - The Fall s01e01
"Quando le persone si espongono con false promesse, le parole perdono valore" . Jon Snow - Game of Thrones s07e07

Offline lara

  • 705
  • Sesso: Femmina
  • Nothing ever really ends, does it?
    • Supernatural Addicted Forum
Re:Sciopero sceneggiatori statunitensi 2017
« Risposta #1 il: Martedì 02 Maggio 2017 21:30 21 »
Sciopero scongiurato: sceneggiatori e produttori raggiungono un accordo!

Dopo un silenzio mediatico che è durato tutto il weekend, e poche ore dopo la scadenza della deadline che avrebbe condotto a uno sciopero degli sceneggiatori in grado di paralizzare Hollywood e i network broadcast e via cavo, la WGA (il sindacato degli sceneggiatori) e la AMPTP (l’organismo che rappresenta i produttori e gli studios televisivi e cinematografici) hanno raggiunto un accordo preliminare.

Si tratta di un contratto di tre anni che riguarderà cinema e televisione: non sono ancora disponibili i dettagli, ma sembra che le richieste degli sceneggiatori (tra cui il sostegno all’assicurazione sanitaria della WGA e compensi maggiori e protezioni per gli sceneggiatori di serie con un numero inferiore di episodi) siano state soddisfatte. Ora l’accordo andrà ratificato dai board della WGA della costa est e della costa ovest. Successivamente andrà ratificato dai membri del sindacato.

Sciopero scongiurato, quindi: è una vittoria per i consumatori, ovviamente, ma anche per il sindacato degli sceneggiatori – che ha confermato la sua forza e la sua compattezza. Possono dirsi inoltre soddisfatti i network e gli inserzionisti: il 15 maggio infatti inizieranno gli upfront, e senza la minaccia di uno sciopero sarà più semplice per loro gestire trattative e accordi.

Uno sciopero paragonabile a quello del 2007/2008 (che durò tre mesi e costò oltre 2 miliardi di dollari) avrebbe avuto un impatto potenzialmente devastante sull’industria televisiva, sull’economia californiana (200 milioni di perdite alla settimana) e addirittura sui comportamenti degli spettatori americani, che trovando meno offerta sui network televisivi avrebbero potuto accelerare il fenomeno (già in corso) del passaggio a piattaforme digitali e non lineari.

Fonte


____________________________
Nothing ever stays dead in SPN - Jensen Ackles

"Nessuno sa cosa c'è nella testa degli altri. Se così fosse, la vita sarebbe insopportabile." Paul Spector - The Fall s01e01
"Quando le persone si espongono con false promesse, le parole perdono valore" . Jon Snow - Game of Thrones s07e07