LOOKING

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Dia

  • Do as Peggy says.
  • *
  • 8513
  • Sesso: Femmina
  • Regretting all the ships that never sailed.
Re:LOOKING
« Risposta #30 il: Mercoledì 25 Marzo 2015 18:37 18 »
Io sono d'accordo con te. La serie non brillava mica. Non era un capolavoro di scrittura, ma sono anche dell'idea che in TV ci sia anche molto di peggio (vedi PLL & co). Mi dispiace della cancellazione perché mi sono affezionata ai personaggi, e avevo una ship che mi piaceva molto  asd E' una serie da neanche 30 minuti e di pochissimi episodi, una roba leggera senza troppe pretese. Era semplicemente uno spaccato di vita, e questo mi piaceva molto.
Tu dici che non mostravano le donne, beh, dove sta scritto che debbano per forza esserci donne o coppie etero? Era semplicemente uno show che seguiva le vite di 3 amici gay. E' normale che non ci fossero altre storie d'amore etero. Non vedo cosa ci sia di male. Non vedo perché dovessero per forza metterci anche coppie etero. Quello sarebbe stato politically correct. Stiamo seguendo le vicende di questi tre ragazzi gay, la coppia etero sarebbe stata semplicemente fuori contesto, imho. Non era nel concept della serie. Perché essere autoreferenziali deve per forza essere sbagliato? Ci sono serie che seguono la vita di ragazzi/ragazze, mica in tutte è stata buttata dentro per forza una coppia gay. Perché se le storie sono tutte etero va bene, ma se sono tutte gay no?
Il personaggio etero c'è, poi, ed è Doris, e sinceramente è uno dei personaggi che preferivo. Ma sono contenta che la sua storia con Malik non sia stata messa in primo piano, semplicemente perché Doris viene rappresentata sin dall'inizio come l'amica di Dom. La maggior parte delle sue scene sono legate a Dom. Non è una dei protagonisti. La sua storia d'amore, sinceramente, a me non interessava più di tanto. Il mondo della televisione è pieno di storie d'amore etero, non mi interessava più di tanto vederla anche qui.

Ultima cosa, mi dispiace della cancellazione anche per un'altra questione, ovvero che Looking era una (o forse l'unica oltre quelle nuove UK) delle poche serie a tematica LGBT. Ce ne sono troppe poche di serie che trattano questi argomenti, che non mostrano coppie gay se non in modo totalmente disfunzionale. Qui era tutto normale, com'è giusto che sia. Amore, sesso, drammi, gelosie, tutto descritto in modo assolutamente normale e naturale.
E non credo che il problema sia per forza la serie gay in sé, come dici tu, perché di serie con questa tematica negli anni ce ne sono anche state e hanno anche funzionato abbastanza bene. Tra l'altro, è brutto dirlo, ma attualmente nel web le coppie gay vanno anche molto di "moda". Il difetto di questa serie secondo me, oltre alla poca coralità e al fatto che ci si sia concentrati troppo sul triangolo di Patrick, è stato proprio il protagonista. Patrick è tra i personaggi meno sopportabili, ed era il protagonista. Molte volte è adorabile e mi trovo tantissimo nel suo personaggio, ma in quest'ultima stagione è stato un po' MEH. Cambia continuamente idea, non fa che combinare cavolate e comportarsi come un 13enne "afraid of her own vagina", come dice anche Brady, il ragazzo di Richie. E' umano, sbaglia, e ok. Ma a tutto c'è un limite. In teoria la sua personalità poteva anche essere davvero interessante da rappresentare, un gay lui stesso un po' "omofobico" e pieno di pregiudizi. Peccato sia stato fatto male. Ripeto, l'errore è stato concentrarsi troppo sul triangolo, e meno su altri aspetti importanti che sarebbero stati parecchio interessanti da vedere.

E sì, ti do anche ragione sul fatto che si raggiungerà veramente la normalità e l'equilibrio quando il personaggio gay sarà totalmente integrato e naturale in una serie, ma finché la situazione sarà questa, non ci vedo nulla di male a mettere lo zoom su storie finora troppo poco affrontate.  :63

Spoiler
Rispondo anche qui  :9 così magari raccogliamo anche altri pareri.
« Ultima modifica: Mercoledì 25 Marzo 2015 18:45 18 da Dia »

*SHIPPING FAMILY*
"Una storia non ha principio né fine, soltanto porte d'ingresso. Una storia è una conversazione fra chi la racconta e chi l'ascolta.
Perché quando le luci si spengono, la musica tace e la platea si svuota, l'unica cosa che importa è l'illusione rimasta impressa
nel teatro dell'immaginazione che ogni lettore alberga nella propria mente."

Offline Fry

  • 1590
  • Sesso: Femmina
Re:LOOKING
« Risposta #31 il: Mercoledì 25 Marzo 2015 23:06 23 »

A me dispiace perché non vedrò mai la chicken window di Dom xD

A parte tutto, in parte condivido il pensiero di seanma, in parte quello di Dia.
Ho cominciato a seguire la serie solo nel momento in cui c'è stata una defezione del team e le congiunzioni astrali hanno voluto che mi si liberasse il lunedì nel momento giusto xD altrimenti, non credo che avrei mai e poi mai fatto caso alla serie, né che l'avrei guardata.

Guardandola, ho trovato dei personaggi un po' "macchiette", inseriti a stampino nei vari stereotipi omosessuali (ed è una cosa, secondo me, sulla quale la serie marcia consapevolmente e volutamente, perché è impossibile che un gruppo di amici e relative relazioni siano così ben assortiti da rappresentare quasi tutti gli stereotipi esistenti xD).
Così come sono stereotipati i personaggi non omosessuali (amici e parenti), le relazioni tra gli omosessuali e le relazioni tra i protagonisti e l'entourage vario.

D'altro canto, non era una di quelle serie che guardo con delle aspettative di consistenza nella trama, per dirla tutta. Mezz'ora di ragazzi fighi in cui pensi "Che spreco xD", mezz'ora di cyclette guadagnata mentre la guardavo in attesa del ts. E una colonna sonora davvero carina!!

Quindi, boh, non mi strappo i capelli. Mi basterà lo special per vedere come vanno a finire le cose, sperando che diano alla chicken window tutto lo spazio che merita xD

Offline seanma

  • Teddy Bear
  • *
  • 21298
  • Sesso: Maschio
  • "The Cable Guy" aka capofila degli Addu-stalker
Re:LOOKING
« Risposta #32 il: Mercoledì 25 Marzo 2015 23:35 23 »





D'altro canto, non era una di quelle serie che guardo con delle aspettative di consistenza nella trama, per dirla tutta. Mezz'ora di ragazzi fighi in cui pensi "Che spreco xD", mezz'ora di cyclette guadagnata mentre la guardavo




Ecco. Questo, per una serie HBO, è garanzia di fallimento.
BARCOLLO MA NON MOLLO
"I created an empire, and I am nobody"
"Il cervello non è una polpetta piazzata al centro della testa. E' qualcosa che va adoperato".
"Dobbiamo ambire a vedere pubblicate le nostre rese."
"Crowds don't think. They react."


Offline Dia

  • Do as Peggy says.
  • *
  • 8513
  • Sesso: Femmina
  • Regretting all the ships that never sailed.
Re:LOOKING
« Risposta #33 il: Giovedì 26 Marzo 2015 00:33 00 »
Citazione
Guardandola, ho trovato dei personaggi un po' "macchiette", inseriti a stampino nei vari stereotipi omosessuali (ed è una cosa, secondo me, sulla quale la serie marcia consapevolmente e volutamente, perché è impossibile che un gruppo di amici e relative relazioni siano così ben assortiti da rappresentare quasi tutti gli stereotipi esistenti xD).
Così come sono stereotipati i personaggi non omosessuali (amici e parenti), le relazioni tra gli omosessuali e le relazioni tra i protagonisti e l'entourage vario.

A parte che io non ci trovo niente di male negli stereotipi. Insomma, saranno pure stereotipi, ma persone del genere esistono, mica se le sono inventate, quindi perché non raccontare di loro? Cosa c'è di male? Cos'è questa discriminazione?  :55
Poi sinceramente ho visto serie con personaggi gay moooooooooooolto più stereotipati.  :86
Stiamo raccontando di ragazzi gay, vogliamo raccontare varie storie e raggiungere più persone possibili, così che possano identificarsi in loro, di conseguenza inseriamo personaggi con caratteristiche tutte diverse tra loro, e insieme raccontiamo anche storie d'amore diverse. Sinceramente non la trovo una cosa così assurda, anzi, è una cosa che c'è in tutte le serie.  :63 Nelle altre serie trovi personaggi tutti uguali? Non succede mai. Non vedo davvero cosa ci sia di strano nel fatto che il gruppo sia così "ben assortiti da rappresentare quasi tutti gli stereotipi esistenti". E' uno dei pochi show LGBT, è normale che cerchino di coprire quante più tipologie di persone possibili, imho  :63

Poi sono veramente curiosa, quali sono qui gli stereotipi che hai notato? Io ne ho notati solo 3, sinceramente, e uno non è neanche un personaggio principale.
1) Il ragazzo che non si accetta totalmente per quello che è ed è un po' omofobo? Esiste.
2-3) Il gay che nell'immaginario collettivo è o effeminato (che poi qui chi sarebbe? Secondo me solo Frank, l'ex di Agustin), o è "ambiguo" e va a letto con tutti e non sa mantenere una relazione stabile (Kevin?). Ma gli altri, lo stereotipo di Eddie, Agustin, Dom, Richie, quale sarebbe? Chiedo per curiosità, eh, perché magari non ho colto io asd

Anzi, io stranamente ho trovato questa serie molto... naturale. Ne parlavo con una mia amica, e quello che mi ha detto lei è proprio che prima di tutto erano persone. Che il fatto che fossero gay andasse molto in secondo piano. Insomma, non se n'è mai fatto un big deal come in molte altre serie. Secondo me questo era un pregio della serie: la normalità. Raccontiamo di storie di gay senza farne grossi drammoni esistenziali. Mostriamo che non c'è nulla di male nell'avere un orientamento sessuale diverso. Tutti i drammi che ci sono stati provenivano da scontri tra persone, non per via del loro orientamento.

Certo, se mi dici che tutti questi argomenti sono stati affrontati in modo superficiale, su questo ti do totalmente ragione. Diciamo che sono partiti bene, il concept secondo me era perfetto, l'idea di base, ma poi si sono un po' persi.

Per me, proprio a sottolineare questa normalità, l'episodio più bello resta il 1x05. E' semplice, è bello. Un intero episodio fatto solo di due persone che si conoscono, che si raccontano.  :97
Poi hanno un po' mandato tutto alle ortiche asd
« Ultima modifica: Giovedì 26 Marzo 2015 00:50 00 da Dia »

*SHIPPING FAMILY*
"Una storia non ha principio né fine, soltanto porte d'ingresso. Una storia è una conversazione fra chi la racconta e chi l'ascolta.
Perché quando le luci si spengono, la musica tace e la platea si svuota, l'unica cosa che importa è l'illusione rimasta impressa
nel teatro dell'immaginazione che ogni lettore alberga nella propria mente."

Offline Adduari

  • The Firstborn Angel
  • *
  • 13190
  • Sesso: Femmina
  • Debug's Weeping Angel & Suricato n. 1
Re:LOOKING
« Risposta #34 il: Giovedì 26 Marzo 2015 00:52 00 »
Beh, l'immagine della "frociara", magari, può sembrare uno stereotipo (Dai tempi di Grace, per dire). La donna che non può avere l'uomo perché gay quindi decide di tenerselo come amico.
Però, effettivamente, ci sono un po' di stereotipi. Come nelle serie etero, passatemi il termine. Ed è pure normale che ci siano, perché chiunque di noi è uno stereotipo, in fondo. O ci si avvicina molto.
Il ragazzo timido che non sa che strada prendere, invaghitosi del capo che poi si rivela un emerito deficiente-per-non-dire-coglione; il ribelle scopaiolo stanco della sua relazione lunga e che s'innamora di uno che forse non avrebbe nemmeno guardato mai, in una vita precedente; il quarantenne che ha paura dell'età e quindi va con i più giovani... insomma, tutto è stato già visto e rivisto, ma è normale, non sono temi originali. O forse non lo sono per quelli come me (noi) che divorano serie e film come fossero acqua fresca in estate.
Però, quello che ho apprezzato davvero tanto di questa serie è la verità con cui è stato trattato un tema ancora scottante, checché se ne dica. L'onestà del non scendere a patti con nulla, mostrando il bello e il brutto di ogni relazione, la luna di miele e la morte.
Ho amato i dialoghi, non trovandoli mai scontati, tra l'altro.
La colonna sonora... che ve lo dico a fare?
I personaggi, ben scritti e su più livelli...

Looking è stato uno spaccato di vita che ho vissuto anch'io, immedesimandomi nelle situazioni, nei personaggi, nelle loro azioni... peccato, perché secondo me, c'era ancora molto da raccontare. E farci vivere.
ALLORA SCUSA SEI MEJO TE
Citazione da: Fry
Inizio a pensare che tu non sia completamente umana. <3
Citazione da: Debug
Simona vomita arcobaleni, ricatta la gente e si fa i team fighi.
Citazione da: Basces
Il tuo è un hobby come il mio. Se consegni robe così, il mio lo fai diventare un sacrificio e mi stai sul cazzo.

Offline Dia

  • Do as Peggy says.
  • *
  • 8513
  • Sesso: Femmina
  • Regretting all the ships that never sailed.
Re:LOOKING
« Risposta #35 il: Giovedì 26 Marzo 2015 00:59 00 »
Beh, l'immagine della "frociara", magari, può sembrare uno stereotipo (Dai tempi di Grace, per dire). La donna che non può avere l'uomo perché gay quindi decide di tenerselo come amico.
Però, effettivamente, ci sono un po' di stereotipi. Come nelle serie etero, passatemi il termine. Ed è pure normale che ci siano, perché chiunque di noi è uno stereotipo, in fondo. O ci si avvicina molto.
Il ragazzo timido che non sa che strada prendere, invaghitosi del capo che poi si rivela un emerito deficiente-per-non-dire-coglione; il ribelle scopaiolo stanco della sua relazione lunga e che s'innamora di uno che forse non avrebbe nemmeno guardato mai, in una vita precedente; il quarantenne che ha paura dell'età e quindi va con i più giovani... insomma, tutto è stato già visto e rivisto, ma è normale, non sono temi originali. O forse non lo sono per quelli come me (noi) che divorano serie e film come fossero acqua fresca in estate.
Però, quello che ho apprezzato davvero tanto di questa serie è la verità con cui è stato trattato un tema ancora scottante, checché se ne dica. L'onestà del non scendere a patti con nulla, mostrando il bello e il brutto di ogni relazione, la luna di miele e la morte.
Ho amato i dialoghi, non trovandoli mai scontati, tra l'altro.
La colonna sonora... che ve lo dico a fare?
I personaggi, ben scritti e su più livelli...

Looking è stato uno spaccato di vita che ho vissuto anch'io, immedesimandomi nelle situazioni, nei personaggi, nelle loro azioni... peccato, perché secondo me, c'era ancora molto da raccontare. E farci vivere.
Intanto  :15 :15 :15 da me e dalla mia amica. La penso totalmente come te, anche sui dialoghi e sulla colonna sonora  :97

Poi, Dom e Doris erano già amici da prima, non è che lei non poteva averlo e ci resta amica. Erano già amici, si conoscono da ragazzi.
Dom è andato a letto con gente più giovane per quanto, 2 episodi? Mostrano il suo ex all'inizio, e ha la sua stessa età. E alla fine poi si innamora pure di uno più grande, altro che più giovani  :55

Poi, insomma, sì, gli stereotipi possono pure esserci (e quello che dici tu era quello che volevo dire io, ma tu ovviamente l'hai detto meglio asd ovvero che siamo tutti stereotipi, e che anche uno stereotipo rappresenta la vita di qualcuno, non è una figura immaginaria - e comunque quelli citati da te sono stereotipi in generale, non sui gay in sé-) ma sinceramente in questa serie non li ho trovati così marcati. Potevano esserci come punto di partenza nel raccontare i personaggi, ma secondo me i veri stereotipi sono altri  :63
« Ultima modifica: Giovedì 26 Marzo 2015 01:37 01 da Dia »

*SHIPPING FAMILY*
"Una storia non ha principio né fine, soltanto porte d'ingresso. Una storia è una conversazione fra chi la racconta e chi l'ascolta.
Perché quando le luci si spengono, la musica tace e la platea si svuota, l'unica cosa che importa è l'illusione rimasta impressa
nel teatro dell'immaginazione che ogni lettore alberga nella propria mente."

Offline Dia

  • Do as Peggy says.
  • *
  • 8513
  • Sesso: Femmina
  • Regretting all the ships that never sailed.
Re:LOOKING
« Risposta #36 il: Domenica 29 Marzo 2015 16:18 16 »
Ieri ho visto un film che avevo nel PC da tipo 2 anni  :55 Avevo visto delle gif su tumblr e mi ispirava, ma poi mi ero scordata di guardarlo asd Recentemente ho scoperto che il regista e autore è Andrew Haigh, autore anche di Looking, e il protagonista del film è lui:



Tony Gillingham di Downton Abbey. E fortunatamente in questo film ha la barba  asd

Comunque, il film ha molto lo stile di Looking, avete presente l'episodio 1x05, quello dedicato tutto all'appuntamento tra Patrick e Richie? Ecco, è più o meno tutto così. E' tutto molto parlato, con loro due che si raccontano, che parlano delle proprie esperienze e anche della loro sessualità. Insomma, l'ho trovato molto carino. E' un film molto... tranquillo, reale. Non ci sono grandi colpi di scena o scene con particolare suspance  :9 Se vi piace lo stile, è carino :)

Spoiler sul finale del film
Peccato che poi finisca "male", ovvero  che uno alla fine parte per l'America  :22 Uffa, Andrew, io voglio gli happy ending, anche se non realistici  :22  asd perché no, qui l'happy ending non sarebbe stato realistico. Non si manda a monte un progetto per un tizio conosciuto 2 giorni prima. Se avessero avuto più tempo...  :(

Ci sono anche dei subbi italiani fatti abbastanza bene, mi è sembrato (il synch un po' meno asd ).

E niente. Ciao  :1

EDIT: ciao, sono scema, ho dimenticato di dire il titolo: si chiama Weekend  :55
« Ultima modifica: Domenica 29 Marzo 2015 16:41 16 da Dia »

*SHIPPING FAMILY*
"Una storia non ha principio né fine, soltanto porte d'ingresso. Una storia è una conversazione fra chi la racconta e chi l'ascolta.
Perché quando le luci si spengono, la musica tace e la platea si svuota, l'unica cosa che importa è l'illusione rimasta impressa
nel teatro dell'immaginazione che ogni lettore alberga nella propria mente."