Mr B prova a censurare anche internet

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline anitram

  • 229
  • Sesso: Femmina
  • Drink it in.
    • Definitely Maybe
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #15 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 12:43 12 »
come diceva qualcuno:

Noi ci dobbiamo ribellare,
prima che sia troppo tardi,
prima di abituarci alle loro facce,
prima di non accorgerci più di niente...

Firmato, copiato e diffuso ovunque!
will you still be sending me a valentine birthday greetings bottle of wine?

"Age gives you a great sense of proportion. You can be very hard on yourself when you're younger but now I just think 'well everybody's absolutely mad and I'm doing quite well'. " Steven Morrissey

Offline Lord_ Bane

  • The Dark God
  • 4084
  • Sesso: Maschio
  • Dark Knight
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #16 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 12:45 12 »
Vi posto un articolo di Guido Scorza, della associazione dei consumatori, per farvi capire a che livello ci vogliono ridurre:

Delibera AGCom: luci (poche) e ombre (molte)
E’ stata appena pubblicata sul sito dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni l’attesa delibera contenente lo schema di Regolamento relativo alla tutela del diritto d’autore online.

Nonostante il comunicato stampa diffuso dall’AGCom avesse fatto ben sperare circa il pentimento operoso dell’Autorità guidata da Calabrò, sfortunatamente, il testo del Regolamento ora posto in consultazione pubblica, continua ad evidenziare i tanti aspetti di criticità al centro delle discussioni, mobilitazioni e dibattiti delle ultime settimane.

Le poche luci del testo del Regolamento, infatti, non valgono a dissipare le troppe ombre che permangono.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni – dispiace doverlo scrivere dopo essersi illusi di un più significativo ripensamento – continua ad arrogarsi l’esercizio di un potere normativo che non le compete e che non le attribuisce alcuna disposizione di legge primaria, sulla circolazione di ogni genere di contenuto nello spazio pubblico telematico.

L’Autorità, infatti, a quanto si legge nello schema di regolamento sembrerebbe intenzionata a dettare regole valide per “ogni contenuto sonoro, audiovisivo, giornalistico ed editoriale coperto da copyright diffuso su reti di comunicazione elettronica” anziché per i soli contenuti audiovisivi.

Ambiguo, almeno nell’attuale formulazione, inoltre il limite soggettivo di applicazione delle norme contenute nella nuova disciplina che l’Autorità sembra intenzionata – anche qui in assenza di qualsiasi copertura normativa – a rendere applicabili anche ai soggetti che esercitano attività per scopo non commerciale e/o all’estero.

Tante, troppe e davvero di grande rilievo, inoltre, le perplessità che il testo del Regolamento solleva in merito al procedimento che, nelle intenzioni dell’Autorità, dovrebbe condurre alla rimozione di un contenuto dallo spazio pubblico telematico.

Il procedimento, infatti – nonostante il comunicato stampa avesse fatto ipotizzare il contrario – rimane sommario: il gestore del sito e/o il fornitore del servizio media audiovisivo [ndr e non l’uploader del contenuto, se diverso] infatti avrà a disposizione solo 48 ore per far pervenire all’AGCom – peraltro attraverso la posta elettronica certificata in uso, come è noto, solo a un manipolo di geek italici e/o brunettiani – eventuali controdeduzioni.

Si tratta, evidentemente, di una colossale ipocrisia dell’Autorità che sa perfettamente che in un intervallo di tempo tanto breve nessun gestore di sito internet e/o di piattaforma di condivisione di contenuti sarà mai in grado di formulare e trasmettere osservazioni difensive su di un contenuto che, peraltro, è stato prodotto e pubblicato da un terzo.

Il modo con il quale l’AGCom finge di riconoscere ai contro interessati il diritto ala difesa e quello a un giusto processo loro costituzionalmente garantiti, è, a dir poco, offensivo.

Egualmente irrisorio – e da stato di guerra – il termine di 48 ore entro il quale, a seguito dell’adozione del provvedimento da parte degli uffici dell’Autorità, il destinatario dello stesso dovrà/potrà procedere alla spontanea rimozione prima che gli uffici stessi trasmettano al Collegio dell’Autorità gli atti per l’adozione di un formale ordine di rimozione.

Non è chiaro, inoltre, a quale genere di provvedimento l’Autorità stia pensando quando scrive che, in relazione ai soggetti localizzati all’estero, qualora non ottemperino all’ordine di rimozione del quale pure possono essere destinatari, “l’organo collegiale può ordinare al fornitore di servizi di media audiovisivi o radiofonici attivo in Italia la cessazione della trasmissione o della ritrasmissione di programmi audiovisivi diffusi in violazione delle norme sul diritto d’autore”.

Il rischio è che nonostante nel comunicato stampa sia stato espressamente dichiarato l’esatto contrario, l’AGCom continui a ipotizzare di riservarsi il diritto di chiedere ai provider italiani di rendere inaccessibili i contenuti oggetto di sospette [ndr solo l’autorità giudiziaria può accertare l’effettiva violazione] violazioni del diritto d’autore.

Inaccettabile, infine, l’idea che l’AGCom si riservi il diritto di irrogare salatissime sanzioni pecuniarie per l’ipotesi di violazione di provvedimenti da essa stessa sommariamente adottati – e, quindi, con un ampio margine di errore – in forza di regole da essa medesima scritte, in gran parte, senza disporre della necessaria copertura normativa.

Troppe ombre, purtroppo, soprattutto alla luce delle tante occasioni sin qui offerte all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni per ritornare sui suoi passi e proporre il varo di un provvedimento più equilibrato.

Non resta che partecipare alla consultazione pubblica e provare, ancora una volta, a far comprendere all’Autorità che i diritti e le libertà fondamentali degli utenti valgono almeno quanto quelli – solo economici – dei Signori del Copyright.

Offline sardauker

  • 1352
  • Sesso: Maschio
  • Nel mio armadio vive una scimmia cattiva!
    • Il mio Blog
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #17 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 12:50 12 »
http://www.pallequadre.com/2011/07/censura-no-maxi-multe-si.html

http://www.idealista.it/news/archivio/2011/07/05/028341-non-bavaglio-ad-internet-notte-della-rete


Poi, se lo dite voi, ci credo. 
Però sono sicuro che gli unici a cui cambierà qualcosa saranno gli spammer, grati di tutte queste petizioni online.
¡Por Santiago y por España!

Offline Lord_ Bane

  • The Dark God
  • 4084
  • Sesso: Maschio
  • Dark Knight
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #18 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 13:00 13 »
Sardauker, anche prendendo per buono qunato riferito in quegli articoli è comunque una delibera incostituzionale e illiberale.
Non c'è alcuna legge o giudice a fgiudicare, ma solo principi arbitrari.
Ti faccio un esempio, improbabile ma possibile:
Qualcuno all'AGCOM un gionro si sveglia e pensa "Ehi, ma i sottotitoli inducono la gente a cercarsi online i telefilm invece di comprarsi sky e medpremium. Se sopprimiamo questi siti, difendiamo il diritto d'autore."
Allora non oscurano SF, ma ci impongono multe fino a 250.000 euro.
Mi spieghi come si fa a rimanere tranquilli?
Perchè ci dovrebbbe essere gente che con un volo pindarico o una sbronza di troppo deve avere il diritto di decidere della nostra vita, online o offline che sia? :67
Spero di essere stata chiaro.

Offline sardauker

  • 1352
  • Sesso: Maschio
  • Nel mio armadio vive una scimmia cattiva!
    • Il mio Blog
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #19 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 13:06 13 »
sì, avevo capito anche prima.
¡Por Santiago y por España!

Offline noiselover

  • 107
  • Sesso: Femmina
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #20 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 13:12 13 »
Sardauker, anche prendendo per buono qunato riferito in quegli articoli è comunque una delibera incostituzionale e illiberale.
Non c'è alcuna legge o giudice a fgiudicare, ma solo principi arbitrari.
Ti faccio un esempio, improbabile ma possibile:
Qualcuno all'AGCOM un gionro si sveglia e pensa "Ehi, ma i sottotitoli inducono la gente a cercarsi online i telefilm invece di comprarsi sky e medpremium. Se sopprimiamo questi siti, difendiamo il diritto d'autore."
Allora non oscurano SF, ma ci impongono multe fino a 250.000 euro.
Mi spieghi come si fa a rimanere tranquilli?
Perchè ci dovrebbbe essere gente che con un volo pindarico o una sbronza di troppo deve avere il diritto di decidere della nostra vita, online o offline che sia? :67
Spero di essere stata chiaro.
Concordo in pieno!
Il problema è che questa gente ormai fa quello che gli pare  :2
e temo solo che le nostre proteste rimangano inascoltate...

Esser stronzi è dono di pochi, farlo apposta è roba da idioti...

Offline Lord_ Bane

  • The Dark God
  • 4084
  • Sesso: Maschio
  • Dark Knight
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #21 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 13:23 13 »
Neanche io sono un ottimista, ma preferisco fare qualcosa, acnhe nel mio piccolo, piuttosto che star fermo con l'alibi del "tanto non cambia nulla".

Offline noiselover

  • 107
  • Sesso: Femmina
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #22 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 13:35 13 »
Neanche io sono un ottimista, ma preferisco fare qualcosa, acnhe nel mio piccolo, piuttosto che star fermo con l'alibi del "tanto non cambia nulla".

Certo!!!
il "tanto non cambia nulla" ormai è una scusante che non possiamo più permetterci, e grazie a questo menefreghismo che siamo in questa situazione. Anzi al punto dove siamo arrivati forse dovremmo fare qualcosa di più!

Esser stronzi è dono di pochi, farlo apposta è roba da idioti...

Offline Kal-Earth2

  • Cioccolataio
  • *
  • 14473
  • Sesso: Maschio
    • LoSpazioBianco.it
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #23 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 14:12 14 »
certo. almeno proviamoci. :88
questo volevo consigliarmi con voi PRIMA  di mandarlo, poi mi son distratto e ho schiacciato invio asd
ve lo posto comunque per condividere :41
Citazione
Non è giusto che per tutelare gli interessi di pochi si adottino provvedimenti che danneggiano molti, in particolare e come aggravante sono scorrette misure anti−costituzionali (e non è certo il problema della libertà d'espressione il primo, bensì lo scavalcamento del potere esecutivo e giudiziario insieme; essere al di sopra della legge se preferite).


Per motivi di diritti, non traduciamo film la cui uscita è prevista in Italia, ci dispiace. •  Regolamento!

Proud Stordy Team Member

"La lealtà è una moneta che si deve dare per ricevere." (Dago, Wood/Gomez) • Perché siamo degli inguaribili nerd e queste cose ci piacciono

Offline Lord_ Bane

  • The Dark God
  • 4084
  • Sesso: Maschio
  • Dark Knight
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #24 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 14:17 14 »
Sei grande, Kal  :88

Offline Arden

  • Folletta MalvagiaH
  • *
  • 12160
  • Sesso: Femmina
  • Segretaria di direzione di Miss Piggy - Scamuffa
Re: Mr B prova a censurare anche internet
« Risposta #25 il: Mercoledì 27 Luglio 2011 14:21 14 »
Io sono una rivoltosa.
Violenta.

Ad oggi, vedo un solo modo per ribaltare la situazione, purtroppo :)
Spoiler
Orgogliosa Capostipite della Shipping Family
_____________

Proud member of the Pink Team, the Blutbad Team, the SbavanTeam
_____________