In memoria di Sayid

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

In memoria di Sayid
« il: Venerdì 07 Maggio 2010 23:39 23 »
Ebbene si. Ci ha lasciato. Il bel tenebroso dallo sguardo assassino e dalle unghie sporchissime ci ha alfine lasciato, nella maniera più brutta che si potesse concepire. Facendolo esplodere in 3 secondi senza alcuna epicità ben prima del finale della serie.

Questo topic vuole rendere omaggio ad una delle colonne portanti di Lost, colui che buca lo schermo con il suo fascino misterioso ed esotico, colui grazie al quale i lostiani sarebbero potuti andare via dall'isola già dalla seconda stagione (se lo avessero ascoltato), colui che non è secondo a nessuno in quanto sboronaggine.

Ma chi è Sayid? Cosa ci ha lasciato? Per cosa lo ricorderemo?

Innanzitutto, le sue fattezze. Eh si che molti, uomini e donne, hanno sbavato dietro l'irreprensibile Jack, la topolona inutile Kate o la statua bionda dalle spalle a missile di Sawyer. E Sayid? Diciamo che solo i buongustai hanno approvato e nonostante la sua bellezza e fisicità sfolgoranti, non è mai stato considerato a dovere.
Capello riccioluto eternamente bisunto (tanto da rendersi necessaria una spuntatina forse), occhi dalle caratteristiche fattezze mediorientali di uno scuro intenso, altezza simil Frodo, muscoli scolpiti che non disdegnano un pò di manigliette, pelo irsuto e pizzo assassino. Tutto questo è Sayid.
Probabilmente non uno alla moda (veste perennemente canotta militare e pantaloni larghi), non si è tuttavia negato allo smoking (vedi incontro con Elsa in Germania), diventando un vero e proprio figurino.

Nato in Iraq, Sayid è colui che sa fare tutto e se la sa cavare in qualsiasi situazione. Non è certamente un santo in quanto, fin da giovane, è stato un soldato della guardia repubblicana irachena durante la guerra del golfo e anche il torturatore ufficiale dell'Iraq (vabbè, ora non esageriamo).
Ma dietro la scorza da duro e un'infanzia sicuramente difficile, Sayid nasconde una grande tenerezza. Quella che mostra da subito quando è costretto suo malgrado a torturare una sua amica d'infanzia, Nadia, di cui è sempre stato segretamente innamorato (tutte ste fortune a questa bruttina???). Da grande gentleman torturatore qual'è, Sayid fa scappare Nadia poco prima della sua esecuzione e si infila un proiettile in una gamba per coprirne la fuga.
Dopo questa vicenda, la vita di Sayid è tesa tutta alla ricerca della sua amata. Tra bassi e bassi (non ci sono alti nelle sue peripezie), operazioni di spionaggio e improbabili collaborazioni con l'FBI, Sayid si imbarca sul famoso volo che lo avrebbe portato a Los Angeles e che invece si schianta su L'isola dei Famosi, condotta da Simona Ventura.

Ed eccolo. Il Sayid isolano. Rude e selvaggio. Scontroso e gentile. Tecnologico e sempre pronto a darsi da fare. Uno da farsi alleato. Da subito subisce accuse infamanti basate su pregiudizi da parte di Sawyer. Solo Jack e Hurley dimostrano di fidarsi di lui. E anche quella topolona di Kate lo apprezza (tanto che si supponeva finissero insieme). Non tanto da farlo cadere una pera cotta (Sayid è furbo, quelle come Kate non se le fila). Invece mette gli occhi su una scialbissima sciampista di nome Shannon (perchè? Perchè è altruista e gli piacciono i casi disperati). Shannon fa un pò la preziosa ma nessuno può resistere al fascino dell'iracheno e alla fine cede. Nel frattempo Sayid si dà da fare in tutti i modi, triangolando segnali, incontrando francesi pazzi sull'isola, sentendo sussurri, facendo rapporti, torturando Sawyeridi, usando bussole, proteggendo campi base, insomma di tutto. Anche lui, furbo com'è, comincia a non fidarsi di Locke e tanto meno di Boone (altro ostacolo alla sua felicità con la shampista). Ma alla fine Sayid trionfa su tutto. Il fratellastro di Barbie muore e lui si erge a supremo difensore della pupa; la protegge, la plasma e la trasforma in una donna.
Comincia la seconda stagione e Sayid è al massimo della sua sboronaggine. Talmente sborone che i produttori si sono detti: "Hei, ma qui che succede? Alle ragazzine piacciono Jack e Sawyer. Forse è meglio declassare Sayid se no ci diventa protagonista". Detto fatto. L'occasione capita a fagiolo quando Shannon viene fatta fuori da Ana-Lucia. Sayid non ce la fa e si eclissa dallo show. A nulla valgono le lettere dei fan e gli incitamenti di tutto il popolo lostiano. E' vero che gli autori ci regalano un Sayid in grande spolvero che tortura Benjamin Linus (al secolo Henry Gale) nella stazione Cigno, ma a parte quello, Sayid non ha più un ruolo preponderante in Lost. Ovviamente è sempre lui a capire che Michael li ha traditi e se non fosse per lui forse le cose sarebbero andate molto peggio.
Nella terza stagione, Sayid (in compagnia dei coreani) è il primo a imbattersi nel piedone della statua. La terza stagione rappresenta forse il momento più basso per l'iracheno, oramai vero comprimario della serie. Si, continua a seguire il gruppo e a fare a cazzotti qua e là (vedi il combattimento con Bakunin) ma sembra senza molta convinzione. E' il primo a capire che Juliet nasconde qualcosa e anche colui che cerca di mantenere il segreto sull'atterraggio di Naomi. Ma niente. Dato che il gruppo è composto da cretini, tutti i suoi sforzi sono vani.
La quarta stagione segna un ritorno alla grande del suo personaggio. Libera in una maniera sborona la rossa Charlotte dalle grinfie di Locke e può ben definirsi il primo a lasciare ufficialmente l'isola e raggiungere l'imbarcazione di Widmore a largo; qui però sono casini e lui e Desmond vengono trattenuti loro malgrado. In più ci si mette anche la presenza di Michael che Sayid provvede subito a rivelare a tutti. Il finale della stagione è pura azione; fa a cazzotti con Keamy e va via in tempo dall'isola con i famosi Oceanic 6 prima che l'isola stessa scompaia. Purtroppo il futuro non gli riserba niente di buono; e te pareva che appena arrivava a casa e incontrava di nuovo Nadia, questa non rimane uccisa in un incidente d'auto???? E che c....
Questo è il motivo per cui il nostro Sayid si allea suo malgrado con il perfido Ben per uccidere ad uno ad uno i seguaci di Widmore, colpevoli di aver ucciso la sua amata. Sayid torna ad essere uno spietato assassino.
Nella quinta stagione però si rende conto che Ben lo ha usato ben benino e decide di agire per conto suo, cercando di mettere al sicuro Hurley dalle grinfie dei sicari sulle loro tracce per ucciderli. Jack e Ben riescono a convincerlo a tornare sull'isola e PUFFF, si ritrovano negli anni '70. Ovviamente non potevano rendere la vita di Sayid facile e dunque il povero iracheno viene catturato da quelli della Dharma e tenuto prigioniero in quanto considerato come uno degli Ostili. A nulla valgono i tentativi di Sawyer di coprirlo. L'iracheno sembra aver trovato finalmente uno scopo; uccidere il Ben versione bambino Kinder che gli si para dinnanzi e impedire che il futuro si realizzi. In un susseguirsi di paradossi temporali, Sayid spara Benino ma Benino si salva in qualche modo mentre Sayid è costretto a fuggire nella foresta. Ricompare dal nulla al termine della stagione, intenzionato ad aiutare uno Jack versione uomo di fede che vuole far esplodere la bomba all'idrogeno come consigliato da Faraday. Ma nel tentativo, Sayid viene sparato e gravemente ferito.
La sesta stagione si apre nel peggiore dei modi. Sayid morto. O per meglio dire, quasi morto. Si scopre infatti che Jacob, il biondo dell'isola dei famosi, lo ha selezionato tempo addietro come uno dei candidati a proteggere l'isola. Su consiglio di Jacob, Sayid viene immerso nella pozza del Tempio e resuscita. Purtroppo però, il lato oscuro si è impadronito di lui (ma comeeee????) e ben presto si unisce a Darth Locke Vader diventando come uno zombie. Sayid viene del tutto odiato dai fan. Nessuno più gli crede. Sta addirittura per uccidere Desmond. Ma proprio Desmond Kenobi risveglia in Sayid un barlume di Sayidite e alla fine il nostro iracheno inganna Darth Locke Vader e si fa esplodere nel sottomarino per salvare tutti, in una scena che dura a stento 3 secondi ma che dovevano far durare 1000 minuti. Noooo, Sayidddd, noooo. Ma c'è speranza. C'è ancora il Sayid alternativo, che non vuol dire Sayid vestito alla hip hop che fa yo yo ma Sayid della realtà alternativa che è ancora vivo e vegeto.

Al vecchio Sayid invece diciamo: GRAZIE.

Grazie per i supremi momenti di sboronaggine che ci hai regalato. Citiamone alcuni:
1. Quando sorride in primo piano.
2. Quando decide di lasciare il gruppo per esplorare l'isola, dopo aver torturato Sawyer.
3. Quando tortura Sawyer.
4. Quando si lavora Shannon sotto gli occhi di un gelosissimo Boone.
5. Quando sfida Boone.
6. Quando corre sborone nella giungla con Charlie e gli cauterizza la ferita sulla fronte.
7. Quando triangola il segnale sull'isola.
8. Quando libera Nadia sparandosi.
9. Ogni volta che non crede a Ben e a Locke.
10. Quando spezza il collo di uno degli Altri che lo tiene sotto tiro usando le gambe.
11. Quando fa a mazzate con Bakunin.
12. Quando fa a mazzate con Keamy.
13. Quando rivela a tutti chi è Michael.
14. Quando ammazza Mr. Avellino.
15. Quando si veste da sborone all'appuntamento con Elsa.
16. Quando fa a mazzate con quelli che vogliono ammazzare Hurley.
17. Quando se la ride sotto interrogatorio di quelli della Dharma, negli anni '70.
18. Quando uccide Dogen e Lennon.
19. Quando viene immerso nella pozza.
20. Quando muore da eroe.

Grazie Sayid.
« Ultima modifica: Venerdì 07 Maggio 2010 23:55 23 da Hrotgar76 »

Offline LaMarghe

  • Mr. Wolf's daughter
  • 4847
  • Sesso: Femmina
  • Daughter of Sparta, mother of warriors!
Re: In memoria di Sayid
« Risposta #1 il: Giovedì 13 Maggio 2010 00:05 00 »
Mi manca!  :24